24 Aprile 2024
news
percorso: Home > news > News Generiche

QUANDO LA CURVA NON FA QUADRATO NEL "QUADRATO"

05-03-2018 06:29 - News Generiche
In 700 al PalaParenti per la partita col Brescia, seconda maggior affluenza stagionale dopo il derby con Siena, bel colpo d´occhio non c´è che dire.
I "Lupi" hanno perso per 3-0 in casa: non era mai accaduto quest´anno, nè fra le mura amiche, nè tantomeno in trasferta, che la Kemas Lamipel cedesse con questo pesante punteggio.
I bresciani hanno replicato il punteggio della partita d´andata ed il primo ed il terzo set sono terminati con punteggi netti (25-18 tutti e due), mentre il secondo è stato più combattuto.
Non vogliamo entrare negli aspetti tecnici, nè in quelli tattici, nè parlare di palleggiatori, schiacciatori, allenatori e via di seguito.
Qui siamo sul sito della "Fossa", per cui si parla di tifo, di sostenitori, della Curva (nella foto di Veronica Gentile) in generale e basta.
In Curva la gente, ieri sera c´era, eccome se c´era, anche se la parte centrale del "quadrato" è rimasta ancora mestamente vuota e lì, proprio dove dovrebbe essere raggruppata la gente migliore (per qualità di tifo), i seggiolini non sono stati occupati.
La Curva si è allungata, come accade alle squadre di calcio, nella ripresa, quando le cose vanno male, per cui fra i tifosi è mancato il collegamento e, a fine partita, gli scontenti ed i mugugnanti erano in larga maggioranza.
Il problema è vecchio, anzi stravecchio e dura da dieci anni.
Ne abbiamo parlato un´infinità di volte: andrebbe privilegiato il quadrato centrale, anzichè sedersi nella parte laterale.
Andrebbe fatto gruppo lì in mezzo, tirando gente nel gruppo, anzichè stare sparsi, allungando la Curva.
Il nostro è solo l´ennesimo consiglio ripetuto per l´ennesima volta; poi ognuno è libero di piazzarsi dove vuole, ma ne perde la qualità e la consistenza del sostegno alla squadra.
Questo l´hanno capito anche i muri del PalaParenti!
Nel primo set la Curva è "andicchiata", con un incitamento soporifero, adagiandosi all´andamento cadenzato, proposto in campo dai biancorossi.
Le cose, nel settore caldo, sono migliorate nella seconda frazione, con la squadra in difficoltà (10-14), supportata da cori di grande effetto, qualitatitvi, per un tifo generoso e costante fino al termine del parziale, chiuso da Cisolla con una "pipe", per il raddoppio dei bresciani: 23-25.
Lì la Curva si è zittita colpevolmente, senza più farsi sentire, forse in polemica fra chi stava al centro e chi nella parte finale, lato tribuna bassa. In Curva si è rotto qualcosa.
Ne è derivato che la squadra, nel terzo set, è rimasta sola e questa, già in serata di scarsa ispirazione, ha ceduto agli avversari, con lo stesso punteggio del primo set: 18-25.
A fine gara, fra i sostenitori, si è acceso un bel "dibattito", in cui ognuno ha detto la sua , arrivando infine alla conclusione finale che, sabato prossimo a Spoleto, dovranno cambiare le cose e cambieranno sicuramente, perchè in trasferta, i supporters stanno più compatti, fanno quadrato nel vero senso della parola e, come a Bergamo, la qualità del tifo sarà di certo superiore a quanto visto ieri con Brescia.
Il problema si riproporrà poi sabato 17 in casa, quando i "Lupi" ospiteranno Bergamo.
La Curva sarà ancora "lunga" e scoordinata oppure quel benedetto quadrato centrale verrà finalmente riempito?
Siamo proprio curiosi di verificarlo.

F.d.L. 1977 - Info Curva PalaParenti

Realizzazione siti web www.sitoper.it