09 Dicembre 2022
news
percorso: Home > news > News Generiche

A PUCCINI LA PORTA DELLA CUOIOPELLI...SULLE ORME DI NONNO ADAMO

04-07-2019 06:32 - News Generiche
Venti anni, alle spalle un campionato da titolare in serie D ed esperienze nelle Berretti del Livorno e della Triestina.
La maglia rosa nera e bianca non deve trarre in inganno. Sulla pelle Matteo Puccini (nella foto), ventenne portiere, ha tenuto il bianco e il rosso della Cuoiopelli.
Dopo Romaiano, Tau Calcio Altopascio, Livorno, Trioestina e Real Forte Querceta il portierone, nipote di Adamo Puccini, ex dirigente della Cuoio insieme al compianto Mario Brotini, approda alla squadra del suo paese.
“Sono contentissimo – le prime parole di Matteo da neo-biancorosso – è stata una mia scelta. Tengo a Santa Croce, il paese dove sono nato e cresciuto e dove abito; tengo moltissimo alla Cuoiopelli. Dopo la prima esperienza con i grandi lo scorso campionato al Real forte Querceta in serie D, dove ho giocato tutte le partite, ho deciso di venire a giocare nella squadra del mio paese. Per me è un onore e le intenzioni della società sono chiare. Disputare un bel campionato e provare a salire in serie D. So, sappiamo tutti, che non sarà facile perché ci sono altre squadre forti. Ma l’obiettivo è chiaro”.
Matteo Puccini parla del nonno Adamo, fino a un paio di anni fa dirigente della Cuoio e per alcuni decenni una delle anime biancorosse.
“Mio nonno è molto contento di questa mia scelta – le parole del figlio di Remo – non vede l’ora di vedermi all’opera con la maglia della Cuoio. Come sai è stato per tanti anni dirigente insieme a Mario Brotini e prima ancora giocatore della squadra di Santa Croce. La Cuoiopelli è tutto per lui”.
Appena ventenne, Matteo parla già da veterano. L’esperienza lontano da casa, prima a Livorno nelle Berretti e poi nella Triestina, aggregato alla prima squadra e impegnato in molte partite con la Berretti, evidentemente l’hanno formato gli hanno reso ben chiare le idee sul mondo del calcio. L’inizio per Matteo è stato nella scuola calcio del Romaiano, la squadra di San Donato di San Miniato che ha come deus ex machina Angiolino Quirici.
A 12 anni il passaggio al Tau calcio Altopascio – “una società dilettante ma gestita come se fosse professionista”, dice Puccini – per cinque anni fino alla categoria Allievi. Dal Tau, a 17 anni, il salto tra i professionisti nella Berretti del Livorno “dove ho giocato molto, ma sono stato molto bene ed imparato molto”.
“Sono state molto positive le ultime due esperienze a Trieste e al Real Forte Querceta – conclude Matteo – Una società, quest’ultima, molto seria”.
Da agosto la preparazione con la Cuoiopelli, i colori “tatuati” sulla pelle.

Fonte: Gabriele Nuti – La Nazione


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account