03 Dicembre 2022
news
percorso: Home > news > News Generiche

FINTA FIDANZATA PER 13 ANNI, TRUFFATO IL PALLAVOLISTA AZZURRO ROBERTO CAZZANIGA

26-11-2021 18:00 - News Generiche
L'opposto è stato vittima di un catfish che gli ha fatto sborsare ben 700mila euro.
In inglese si definisce "Catfish", ovvero "pesce gatto", ed è un fenomeno ben preciso: fingersi qualcuno che non si è e prendere in giro una persona, già nota o conosciuta in quel momento, utilizzando i social network.
In italiano, però, il caso di cui è stato vittima Roberto Cazzaniga (foto) si definisce una vera truffa.
Il pallavolista milanese, noto per aver vestito anche la maglia della Nazionale italiana di volley, per ben 13 anni è stato convinto di essere fidanzato con una ragazza che in realtà non esiste.
E le ha anche fatto regali e dato soldi per un totale di 700mila euro. Altro che il "mi sono sentita sposata" di Eliana Michelazzo ai tempi dell'affaire Mark Caltagirone con Pamela Prati e Pamela Perricciolo.
LA STORIA
Nel 2008 Roberto Cazzaniga, opposto che ora gioca in serie B a Gioia del Colle, conosce una ragazza di nome Maya. Come? Tramite un'amica. Piccola "red flag", ovvero bandierina rossa che in criminologia segnala qualcosa di poco logico: Maya sui social network utilizzava le foto di Alessandra Ambrosio, ovvero modella di fama mondiale nonché angelo di Victoria's Secret per diversi anni. Il pallavolista però non coglie il segnale e continua a conoscere Maya sino a innamorarsene. Senza mai incontrarla.
Le fa regali, anche costosi come un'auto. E le dà soldi, tanti soldi. Centinaia di migliaia di euro.
E continua non incontrarla. Così come continua a non avere il minimo sospetto sulla reale esistenza di Maya.
LA SCOPERTA
Spinto da amici e parenti, Cazzaniga dopo 13 anni di "relazione" si rivolge alla trasmissione tv Le Iene e sporge denuncia alla Guardia di finanza. La scoperta è delle più amare: Maya non solo non esiste, ma Roberto Cazzaniga è vittima anche di un raggiro da parte di un'amica e del suo fidanzato.
I bonifici del pallavolista - la "fidanzata" sosteneva di doversi pagare cure sanitarie per problemi di salute - non arrivavano a Maya, bensì a una donna che viveva in Sardegna. Che ha prosciugato il conto corrente dell'innamorato.
Ora la giustizia farà il proprio corso e ad occuparsi di questa vicenda sarà la magistratura.

Fonte: C.M. - Il Giorno

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account