24 Giugno 2024
news
percorso: Home > news > News Generiche

ARNO SUPERA MOLFETTA (3-1) E VA AVANTI

22-05-2023 06:40 - News Generiche
I castelfranchesi dell'Arno superano per 3-1 Molfetta e proseguono nella loro marcia nei playoff. I biancoverdi, nel giro di una settimana, hanno eliminato Cornedo Vicentino e Molfetta.
Ora però il cammino si fa arduo. Sono in arrivo due avversari ancor più difficili: i baresi di Turi ed i padovani del Massanzago.
Sabato prossimo (ore 16,30) l'Arno ospiterà i pugliesi di Turi e mercoledì 31 giocherà in Veneto. Intanto sono stati superati i primi due ostacoli e non è poco.
I molfettesi di coach Difino hanno raccolto un solo set, il secondo, al PalaBagagli.
Buon pubblico nell'impianto di piazza Mazzini, con tanti ex giocatori ed atleti tuttora in attività. Notato, tra i tanti, anche il centrale della Tonno Callipo di Vibo Valentia, neopromossa in Superlega, Davide Candellaro. Il parterre, fra dirigenti di squadre e personalità, era ben nutrito. Castelfranco, come ha fatto presente l'assessore Federico Grossi, respira un'aria di euforia, con due squadre in corsa per la serie superiore.
Gli uomini per la A3 e le ragazze per la A2. Poi, chissà come finirà; per ora ci sono entusiasmo e interesse, la cosa fa piacere.
L'Arno, targato Imballplast, ha vinto il primo set per 25-20, prendendo il largo nella parte finale. Ha poi perso il secondo per 21-25, nonostante Molfetta avesse rinunciato per infortunio allo schiacciatore Del Vecchio, uno dei migliori col regista Bernardi, uscito sull'11-16, privando i pugliesi di un importante punto di riferimento.
Fino a quel momento Molfetta aveva tenuto alla pari, giocando ordinatamente, impensierendo un Arno un po' arruffone e non troppo tranquillo.
Indubbiamente l'uscita dal campo di Del Vecchio ha agevolato il compito dei ragazzi del presidente Andrea Volterrani, apparsi più in fiducia nel terzo e quarto parziale, vinti per 25-18 e 25-16.
A tratti l'Arno ha giocato anche bene ma, in altri ha accusato passaggi a vuoto, concedendo pericolosi break agli avversari.
La cosa è stata riconosciuta anche da capitan Da Prato: “Non abbiamo giocato gran che bene. Nei prossimi appuntamenti dovremo alzare l'asticella del rendimento”.
Da Prato e Nicotra hanno spinto in attacco, anche se quest'ultimo non è stato inappuntabile in ricezione. Ammannati ha dato una mano, così come Testagrossa.
Al centro, soprattutto nella quarta frazione, si è segnalato Samminiatesi, al momento in cui la ricezione ha assistito con maggiore continuità il palleggiatore Berberi. Combattivo il libero Taliani.
A questo punto il compito si fa più impegnativo ed il livello di prestazione dovrà essere alzato.

Marco Lepri

Nell foto di Asma: il muro dell'Arno (Testagrossa e Ammannati) blocca Del Vecchio.

Realizzazione siti web www.sitoper.it