21 Febbraio 2024
news
percorso: Home > news > News Generiche

I "LUPI" CEDONO CON ONORE A CUNEO

05-02-2024 07:17 - News Generiche
CUNEO: Sottile 3, Jensen 23, Codarin 14, Volpato 13, Botto 12, Andreopulos 13, Staforini (L), Giacomini, Cioffi, Bristot, Coppa n.e, Gottardo n.e, Colangelo n.e, Giordano (L) n.e. All: Battocchio.
KEMAS LAMIPEL: Coscione 2, Lawrence 15, Mati Pardo 14, Cargioli 12, Allik 23, Colli 11, Loreti (L), Giannini, Brucini, Parodi n.e, Russo, Gatto n.e, Gabbriellini (L) n.e, Matteini n.e, Petratti n.e. All: Bulleri.
Arbitri: Scotti e Venturi. Successione set: 20-25; 25-17; 25-23; 18-25; 15-9.
Battute sbagliate Cuneo: 15; Aces: 6; Muri: 11.
Battute sbagliate “Lupi”: 12; Aces: 1; Muri: 10.
I “Lupi” rialzano la testa, portando via da Cuneo, un punto che ha il suo significato.
I biancorossi della Kemas Lamipel vengono sconfitti per 3-2 ma, piacciono particolarmente nel primo e nel quarto set, di fronte ad un avversario da primi posti, giocando una bella pallavolo. Dopo il tonfo interno con Aversa era attesa una reazione. Ebbene, in Piemonte, questa c'è stata.
I conciari restano da soli in ottava posizione con 25 punti e, quando mancano sette partite alla conclusione della stagione regolare, sono distanziati di sette punti dal settimo posto detenuto da Porto Viro (32).
L'allenatore Bulleri, a fine gara, ha gonfiato soddisfatto il petto, per la prova fornita e, dopo aver parlato alla vigilia di obiettivo-salvezza, può ritenersi appagato.
Rispettiamo tutte le opinioni, ci mancherebbe, ma, dopo quanto visto in dicembre e, fino a metà gennaio, un pensierino ai play-off ce l'avevamo fatto. Sicuramente, non eravamo stati i soli. E allora, se i programmi immediati, sono quelli di ottenere la salvezza matematica quanto prima, ci adeguiamo e avanti.
A Cuneo, c'è stato il guizzo necessario per far vedere che, quando vogliono, i “Lupi” ci sono. Ben giocato il primo set, con un'interpretazione perfetta, con Cuneo costretto a sbagliare più del necessario: 20-25.
Battocchio ha schierato il greco Andreopulos, da titolare, al posto di Gottardo.
I padroni di casa hanno reagito a dovere nella seconda frazione 25-17 e, nella terza, sono sempre stati francobollati da una Kemas Lamipel assidua, sempre attaccata a Jensen e compagni per tutto l'arco della frazione, senza mai farla scappare.
Quando i cuneesi ci hanno provato (11-8), dopo due prodigiose difese del libero Staforini ed il punto di Jensen, i conciari hanno immediatamente rimesso le cose a posto, impattando sul 13-13.
In due occasioni, i “Lupi” hanno anche rimesso la testa in avanti: 18-19 e 20-21.
Nel finale è stato il centrale Volpato, prima con un muro su Cargioli e poi con una veloce, a chiudere il discorso: 25-23.
I biancorossi sono sempre stati al pezzo.
Nella quarta frazione, dopo un'iniziale fase molto equilibrata ((6-6), Pardo e compagni hanno preso in mano le redini del gioco, (7-11 e 9-15). Quest'ultimo punto è scaturito dopo un bel muro di Pardo sul danese di Battocchio.
Il quarto set non è mai stato messo in discussione (14-20) ed il 18-25 finale ha introdotto al quinto gioco.
Qui, capitan Botto e compagni, hanno ritrovato la verve del secondo set chiudendo sul 15-9.
Nelle file biancorosse è stato molto proficuo Allik (23 punti) confermandosi uomo di sostanza. Bene anche Pardo (14) seguito a ruota da Cargioli (12). Colli ha disputato una partita onesta e Coscione, cuneese doc ed a suo agio nel suo “tempio”, ha diretto bene. Loreti ha tenuto botta, leggendo bene le traiettorie sulle conclusioni avversarie.
L'opposto Lawrence (15) non è stato continuo ma, sul suo conto, va tenuto conto, che il ventenne caraibico, è alla sua prima stagione da titolare fisso in A2.
Certamente, come rileva parte degli appassionati, potrebbe essere più presente, ma per lui, c'è l'attenuante del debutto in una categoria alquanto impegnativa. Vedremo quale sarà il suo rendimento da qui alla fine. Poi, chi di dovere, trarrà le conclusioni.
Da Cuneo i “Lupi” tornano con un punto, lottando e reagendo. Per la salvezza può andar bene così.
Avanti e coraggio, cominciando a pensare alla trasferta di Cantù.

Marco Lepri

Realizzazione siti web www.sitoper.it