03 Luglio 2022
news
percorso: Home > news > News Generiche

OGGI L'ADDIO A ROMANO FOGLI, SEMPLICEMENTE CAMPIONE

23-09-2021 06:30 - News Generiche
Si svolgeranno oggi a Santa Maria a Monte le esequie di Romano Fogli, ex calciatore di Bologna, Milan e della Nazionale, spentosi a 83 anni martedì scorso. La funzione religiosa si terrà nella Collegiata alle ore 15,30.
Subito dopo la morte di "Romanino", come lo chiamavano tutti affettuosamente, è iniziato il tam tam sui social e sugli organi di informazione. Tanti gli articoli a lui dedicati con intere pagine per ricordare un campione che ha legato il suo nome soprattutto al Bologna, portandolo alla vittoria nello spareggio di Roma, nel giugno del 1964 contro l'Inter di Helenio Herrera, reduce dalla conquista della prima Coppa dei Campioni, al Prater di Vienna, contro il Real Madrid.
Fogli segnò il primo gol su punizione battendo Sarti.
Ricordando quello scudetto, Romano disse una volta: "La giocata di cui vado più orgoglioso non è stata il primo gol, ma l'assist per il bis di Nielsen: far passare la palla tra Guarneri e Picchi coi tempi giusti non era facile". Capito chi era Romano Fogli?
Il giornale La Nazione ha dedicato una pagina a Romano. Questo il titolo del pezzo a firma Gabriele Nuti, concittadino di Fogli, una persona che lo conosceva bene. Tra le foto pubblicate c'è quella del giorno del matrimonio con la moglie Cecilia ed una con l'amico Gianni Morandi, con la sciarpa rossoblù.
Ne riportiamo il testo: "La semplicità che si portava dietro dalle origini ne ha caratterizzato la vita anche nei decenni della ribalta calcistica. Come quando ha vinto lo scudetto con il Bologna nel 1964, segnando il primo gol nello spareggio di Roma contro l'Inter, o quando scendeva dall'aereo tenendo in mano la Coppa dei Campioni appena conquistata con il Milan nel 1969.
O, ancora, con la maglia della Nazionale, ora guidata da quel Roberto Mancini, una delle sue scoperte calcistiche a Bologna.
Romano Fogli – morto all'età di 83 anni per un male incurabile – prima di tutto aveva i piedi ben piantati nella sua terra d'origine. Uomo buono, gentile, sempre educato, mai sopra le righe. Era il primo a salutare, per la strada come in macelleria, dall'amico Valerio, nella piazza del paese dove aveva iniziato, bambino piccolo e magrissimo, a tirare i primi calci a un pallone di cenci.
Con mamma Ernestina e babbo Giuseppe che lo rimproveravano perché sudava e rischiava di ammalarsi.
Anni Quaranta. Santa Maria a Monte, come il resto d'Italia, cercava di uscire dalle macerie della guerra.
Romanino pensava al pallone fatto di stoffa. Nei primi anni Cinquanta, appena adolescente, Fogli viene chiamato a giocare nella squadra del paese. Quel Santa Maria a Monte che decenni dopo gli dedica la scuola calcio che porta il suo nome e dove ha iniziato a giocare Gabriele, uno dei suoi nipoti, oggi diciottenne portiere della Primavera della Fiorentina.
Nel 1955, a soli 17 anni, Fogli parte per Torino. Con la maglia granata debutta in serie A.
Ma è dal 1958 al 1968, con la casacca rossoblù del Bologna, che diventa uno dei centrocampisti più forti del calcio italiano di sempre. Arriva in Nazionale e inizia la scalata verso Milano, Milan, dove giocherà con Rivera e i più grandi.
Conclude la carriera da calciatore nel Catania.
Amato da nord a sud, con sempre al suo fianco l'adorata moglie Cecilia (dalla quale ha avuto due figli, Mirko e Massimiliano), il campione di Santa Maria a Monte diventa allenatore e continua a girare l'Italia (Bologna, Reggio Emilia, Foggia, Livorno, Barletta, Siena, Montevarchi, Vicenza, Treviso, ancora Bologna dove viene chiamato a tentare una salvezza impossibile, Lugo di Romagna e Fiorentina come vice del suo grande amico Giovanni Trapattoni).
E anche quando qualcuno dimostra di non amarlo per colpa dei risultati negativi della squadra (come a Siena e Livorno) lui ne esce con eleganza e rispetto poer tutti e a testa alta, come quando faticava in campo per Bulgarelli o Rivera e smistava palloni al bacio per i gol degli attaccanti. Per un periodo è stato anche direttore generale del Pontedera.
"E' stato un grande protagonista del calcio italiano – le parole di Gabriele Gravina, presidente della Figc – Lo ricorderemo come azzurro per sempre". L'amministrazione comunale di Santa Maria a Monte ha deciso di concedere i massimi onori all'illustre concittadino con la camera ardente nella sala consiliare che aprirà stamani dopo le 11 quando la salma sarà trasferita da Pisa.
Il funerale è fissato per giovedì, alle 15,30, nella chiesa Collegiata. Centinaia di messaggi, telefonate, post sui social in ricordo di Romano Fogli. Dal Bologna al Milan a tantissimi semplici tifosi e appassionati di calcio.
Di quel calcio di cui Romano era semplicemente innamorato e che, ormai lontano dalle panchine e dagli spogliatoi della serie maggiori, e opo aver scoperto e allenato Roberto Mancini, amava insegnare ai bambini e ai ragazzini nei campetti dietro la tribuna dello stadio Di Lupo di Ponticelli.
Oltre alla moglie e ai figli, Romano lascia la sorella Adriana, le nuore e gli adorati nipoti (Giada, miss Toscana nel 2006, Marta, Gregorio e Gabriele). Alla famiglia le condoglianze del nostro giornale".

Marco Lepri

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account