05 Ottobre 2022
news
percorso: Home > news > News Generiche

QUEL FANTASTICO PRESEPE DI VIA VETTORI

05-01-2021 06:32 - News Generiche
La chiamavamo la stanza interna, proprio perchè era tra la camera e il salotto, al piano di sopra della nostra casa in via Vettori, a Santa Croce.
Una stanza senza finestre, adibita a ripostiglio, grande abbastanza da contenere un baule, un armadio e tanto altro, come tante altre alla fine di quegli anni Cinquanta.
Quell'anno, però, assunse un ruolo speciale e prezioso e, dopo averla liberata da tutto, il babbo decise di usarla per allestirci il presepe.
Svuotata sembrava ancora più grande. Eravamo curiosi, attenti e pazienti, il lavoro sarebbe stato lungo e, forse, faticoso, almeno per i nostri genitori. Furono preparati pezzi di cartone, forbici, colla, tempere, pennelli, carta, piccoli chiodi e martello.
Il cartone tagliato e incollato si trasformò in casine più o meno grandi, dipinte con precisione da mamma.
La carta fu colorata di giallo ocra, di rosso terra di Siena e diventarono le montagne e le colline.
Anche la capanna era di cartone, avrebbe ospitato la Sacra Famiglia. Quanta tenerezza!
I personaggi di gesso erano già pronti, bastava collocarli. Ma, per quello, c'era ancora tempo.
Si, perché, una volta preparati tutti gli accessori, iniziò la fase dell'allestimento vero e proprio.
Babbo aveva intenzione di creare un presepe in prospettiva. Partire, cioè, da lontano e poi avvicinarsi.
Scatole più piccole furono messe addossate alla parete mentre altre più grandi scendevano, come fossero degli scalini e dare la percezione della profondità. Pitturò tutto, ora di marrone scuro, ora di marrone chiaro, toni sfumati che sembravano dare movimento a tutte quelle stradine che si inerpicavano verso la grotta.
Casine piccole in lontananza e più grandi man mano che si scendeva verso il basso.
Pecore, pastori, palme, i Re Magi, venuti da lontano con i loro doni preziosi, una lenta processione di uomini e cose verso la Luce.
Il tocco finale fu dato dal cielo, non mi ricordo se fosse stato di carta o in panno, quello che dipinse di blu, punteggiato di stelle gialle.
Mi ricordo solo che era bellissimo, illuminato da piccole luci, messe sotto a creare l'effetto della notte, davvero emozionante.
E finalmente fu pronto. Ci stringemmo tutti in un caldo abbraccio che sapeva di buono e, con la benedizione di nonna Fosca, lo guardammo a lungo.
Ne fummo orgogliosi, capimmo che il babbo e la mamma avevano fatto un gran bel lavoro.
Tanti furono i consensi di parenti e conoscenti, che lo vennero a vedere, più e più volte, intrattenendosi meravigliati ad ammirarlo, parlandone in paese.
Dopo che fu smontato e tutto ritornò al proprio ordine, rimase a lungo nell'aria odore di colla, lucido, tempere e resina.
Poi è diventato un ricordo, che il tempo ha sbiadito, ma non cancellato.
Un ricordo che ritorna nella magia del Natale, forte, legato a tutte quei momenti che poi, in fondo, sono la nostra storia.

Patrizia Bianconi


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account